venerdì 21 novembre 2008

Ormai quel che è fatto è fatto, bisogna solo riposare

Siamo arrivati alla fine di questa lunga preparazione, martedi ho corso l'ulitma seduta di ripetute (3x5000mt a RG-10'') ed ora devo fare solo corsette.  Ieri per entrare in clima di rilassamento sono andato a fare un bel massaggio di scarico da un fisioterapista, era la prima volta che facevo un massaggio sportivo e la senzazione di leggerezza e di gambe molli che ti lascia quando scendi dal lettino è molto particolare. 

In attesa di domenica prossima quando scoprirò se mi sono preparato bene o meno, ho fatto un'analisi delle ultime settimane di preparazione. (in rosa le sedute che devo ancora compiere)


Credo di aver fatto bene il mio dovere e sono abbastanza tranquillo, rimane sempre quella piccola incertezza di essersi dimenticati di qualcosa. Fisicamente l'unico dubbio che ho è il ginocchio SX che ogni tanto mi da noia, non ho ancora ben capito quali siano le cause scatenanti dato che non in tutti gli allenamenti mi da fastidio, in ogni caso mi auguro solo che con i prossimi giorni di scarico e con la terapia del ghiaccio che sto facendo tutti i giorni mi consenta di arrivare in fondo alla gara. Gli obbiettivi che mi sono prefisso di raggiungere a Firenze sono (in ordine di importanza ovviamente):
  1. arrivare bene in fondo alla Maratona,
  2. il tempo obbiettivo è 3hr 22min 30sec pari ad un passo di 4min  e 48sec al km
  3. se sto bene gli ultimi 8-10km aumentare un pò l'andatura e limare qualche secondo al tempo finale
Essendo la prima Maratona non voglio forzare sul tempo anche se magari vedendo i miei tempi sulle distanze inferiori potrei osare un pò di più; c'è a disposizione il futuro per migliorare il proprio personale.

4 commenti:

GIAN CARLO ha detto...

E' sempre e solo il mio parere:
Primi 20km a 4.40-4.45 poi lentamente sino al 33-35 cali qualche secondo e ti metti a 4.48 dopo le chiacchiere stanno a zero se ci riesci accelleri altrimenti tieni quanto puoi.
I primi 20km a 4.40 4.45 non ti pregiudicano nulla perchè sono ampliamente gestiti dalla soglia aerobica.
Dopo i 20 muscolarmente cominci a faticare(anche perchè è la prima) allora leggermente previeni le difficoltà e rallenti(di tua sponte) qualche secondo a rendere la corsa più agevole...poi a 35 sarà quel che sarà

Alessandro ha detto...

@Giancarlo, terrò bene a mente tutti i consigli che mi hai dato e vedrò di metterli in pratica dato che di esperienza sembri averne di sicuro più di me

giampiero ha detto...

Ciao Ale!! Vedo che hai già messo il logo dei Blogtrotters nel tuo blog, ti do quindi il benveuto tra noi. A Firenze saremo oltre 20 , leggi il nostro sito per gesuire come ci incontreremo. A presto da Giampy.

Alessandro ha detto...

@Giampiero, certo non ho perso mica tempo. Grazie, ci vedremo a Firenze.